Nel nome di Luis Conforti

La foto del 1977 di Enzo Sessa rispecchia l’anima popolare di Luis Conforti che davanti alla Villa Comunale ammalia la folla alla vigilia di una gara interna della Paganese.

Sei anni fa, proprio il 12 maggio, alla vigilia di una Paganese-Sud Tirol, lasciava questo mondo terreno Luis Conforti.
Grande tifoso, personaggio carismatico, icona autenticamente popolare, per anni aveva fatto sentire la sua voce in ogni trasmissione che si interessasse della Paganese. Nei vari collegamenti telefonici di trasmissioni sportive, non c’era bisogno che si presentasse, tanto erano inconfondibili la sua voce, la sua passione, il suo temperamento. Immortale una sua colorita espressione: “Quando si dice Paganese si dice mamma”.
Negli anni della sua gioventù, soprattutto nel periodo d’oro della squadra, e siamo negli anni Settanta, quando la Paganese giocava in casa, ogni domenica mattina, doveva preparare la sua particolare partita, quasi come un calciatore che si appresta a scendere in campo.
Eccolo – raffigurato in un’istantanea di Enzo Sessa – sul muretto di cinta della Villa Comunale, a mezzogiorno circondato da una folla di giovani e meno giovani, a esorcizzare simpaticamente con riti scaramantici le difficoltà della partita da disputare.
Pagani non dimentica i suoi figli migliori. E Luis lo era perché aveva un cuore d’oro: quello degli autentici paganesi.
=====================
Sarebbe bello se qualche ragazzo di quelli che all’epoca lo circondavano festosamente, oggi si riconoscesse e potesse dire “io c’ero”