Poteva essere, ma non è stato

Così è (anche se non vi pare)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il traguardo di minima se non è stato raggiunto poco ci manca. Solo la matematica che è una scienza esatta, a differenza della materia calcistica, si deve pronunciare; ma l’impressione è che i giochi – per quello che riguarda la salvezza – siano fatti.
Forse poteva essere diverso l’obiettivo dell’annata; ma senza controprova non si va da nessuna parte. La partita con l’Andria – dicono le cronache pugliesi – ha evidenziato una Paganese finalmente cinica e determinata. Una squadra tetragona, forte e impenetrabile con una difesa di ferro imperniata sull’esperienza di Marruocco, di Fusco e di Fernandez, affiancati dagli emergenti Perrotta e Nunzella. E poi un Caturano scatenato, un calciatore rinato; ancora un gol e un “quasi gol” che sembrava essere destinato in fondo al sacco.
Tanti anni fa, i cultori del calcio all’italiana – Gianni Brera in testa – propugnavano una tesi di ordine tattico che secondo me non è mai andata in naftalina: difesa ferrea, protetta da un grande filtro a centrocampo e attaccanti pronti a ripartire per fare male in contropiede. Una tattica che premiava l’astuzia e contemporaneamente la qualità – perché senza qualità, anche se schieri tanti difensori, non si è andati mai da nessuna parte. Una tattica intesa come restrizione degli spazi agli avversari ma anche propositiva perché doveva sfruttare gli spazi che gli avversari inevitabilmente lasciavano liberi per quelli che una volta si chiamavano contropiede e che adesso si chiamano ripartenze.
Sarà anche un caso, non lo so, ma mi pare che i risultati più sorprendenti e più significativi la Paganese di quest’anno li abbia ottenuti quando ha puntato sull’equilibrio tattico. Grassadonia forse qualche dubbio di ordine tattico deve averlo avuto se nelle ultime partite ha dato spazio a Franco per fiancheggiare Romondini e Soligo a centrocampo.
Non ho mai parlato di numeri e di strane formule da lavagna che rendono poco l’idea di una battaglia calcistica. Il calcio è dinamismo, è frenesia, è vita: se usiamo i freddi numeri, tipo 4-4-2, 3-5-2 se non addirittura dividendo il campo in quattro sezioni, tipo 3-4-2-1, vuol dire che abbiamo capito ben poco di un gioco che non può essere paragonato a una partita di dama o di scacchi.
Voglio dire solo che la Paganese sembra aver finalmente trovato una sua identità, forse anche grazie anche alla riconferma degli stessi uomini. Oggi la squadra appare più omogenea, tatticamente più accorta, con tre centrocampisti e due esterni bravi a interpretare sia la fase difensiva che quella di rilancio.
Poteva forse essere e non è stato. Peccato per una fase intermedia del campionato che ci ha consegnato spesso una squadra non all’altezza delle sue prestazioni migliori. Poteva essere ma non è stato, certo; però va anche detto che in terza serie, per la prima volta, nella gestione Trapani, la squadra si salva senza grossi affanni.
Non è moltissimo, considerate le mire ambiziose della società, ma non è nemmeno poco.
Nino Ruggiero

Annunci

One thought on “Poteva essere, ma non è stato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...