Ci dite dove siamo diretti?

Così è (anche se non vi pare)

Si stenta, ma si va avanti. Si soffre da subito quando – dopo solo tre minuti di gioco – una indecisione della difesa, che non promette nulla di buono, rischia di mandare a carte quarantotto quella che sembra essere una partita tutta da giocare. Ci mette una pezza Pepe con molto mestiere; proprio Pepe, titolare promosso sul campo, che alla fine risulterà essere il migliore in senso assoluto per la sua squadra.

Si soffre, ma si segna. Dalla destra il cross di Acoglanis è di quelli che di solito vengono considerati innocui perché trasversale e da dietro senza andare sul fondo, ma la difesa mamertina ci mette del suo – per  buona sorte della Paganese – così Neglia, solo soletto, deposita senza affanni nella rete avversaria il gol che alla fine deciderà la partita.

In tribuna adesso ci si strofina le mani, un poco per il gol che potrebbe rappresentare la rete scaccia crisi, dopo l’assurda sconfitta rimediata a Celano; un poco – e forse anche di più – per il freddo vento di tramontana che pare voglia tagliare le facce dei pochi temerari che resistono impassibili al proprio posto.

Il gol realizzato dà l’illusione di aver sbloccato gli arrugginiti meccanismi di una manovra offensiva che tutti, da qualche tempo, riconoscono non essere più quella di una volta.

Azione da manuale del calcio appena cinque minuti dopo, tutta in velocità senza intoppi. Scambio a tre: Orlando, Fava, ancora Orlando con pallone depositato sui piedi di uno scatenato Neglia. Troppa grazia e troppa irruenza per il giovane esterno salernitano: la mira è imprecisa e il pallone termina di un soffio alla sinistra del battutissimo portiere del Milazzo. L’azione rappresenta una pennellata d’autore su un quadro grigio ed anonimo.

Applausi a piene mani, frammisti a segni di silenziosi ammiccamenti e compiacimenti sugli spalti fra i pochi ed irriducibili temerari, sempre più infilati da un vento freddo che quasi non ti fa parlare, ma che sembrano voler dire con il linguaggio del solo sguardo: “avete visto che quando ne hanno voglia, sanno giocare a calcio?”.

Vuoi vedere che la squadra si è sbloccata, che ci sono concrete speranze perché si possa ritornare al rendimento avuto nella primissima parte del campionato? Macchè!!! solo illusione, solo una pia ed illusoria dimostrazione di quello che una squadra potrebbe dare ma che – misteriosamente – non dà. Un accenno, un assaggio: niente di più.

Non ci crederete, mi riferisco agli assenti, ma la partita praticamente finisce qui, dopo nemmeno venti minuti di gioco. Sparisce dalla scena la Paganese. Non ne approfitta il Milazzo, volenteroso ma sterile ogni qual volta cerca di affacciarsi nell’area di rigore azzurro-stellata. Una delle squadre meno attrezzate viste quest’anno al “Marcello Torre”.

Dovrei ancora dirvi di un paio di episodi dubbi in area paganese, ma nel complesso credo che possa essere considerato più che buono l’arbitraggio della signora Silvia Tea Spinelli di Terni, che è stata … un signor arbitro!

Arrivano i tre punti e dovremmo guardare con maggiore fiducia al futuro. Ma come si fa? Grassadonia continua a lanciare messaggi inquietanti per la tifoseria. Promozione, salvezza: non ci si capisce più niente proprio quando la squadra dovrebbe essere tranquilla.

“Ma Grassadonia e la società si parlano?” – è questa la domanda che si fanno in tanti, quando sentono l’allenatore che parla di futuro incerto, di programmi da perseguire. Me lo chiedo anch’io: c’è un dichiarato obiettivo da raggiungere o tutto è affidato all’improvvisazione ed al caso?

Non conosco le intenzioni della società. Ho sentito il tecnico che parla di rinforzi. Ne chiede quattro per continuare a sperare nella promozione. Diretta o indiretta non è dato di saperlo.

So solo che per come siamo combinati adesso, fermo restando qualche buona individualità, non riusciremo mai ad essere quella corazzata dipinta dalla fervida fantasia di qualche collega e di qualche addetto ai lavori.

All’inizio del campionato, quando tutte le avversarie erano ancora alla ricerca di una propria identità, ci si era illusi che, per realizzare il sogno di un felice ritorno in prima divisione, potesse bastare solo un poco di qualità. Pia illusione. La realtà è diversa. Le squadre concorrenti – e parlo ovviamente di quelle che aspirano alla promozione diretta – hanno allargato i cordoni della borsa e non hanno badato a spese. Piazze come Perugia e Catanzaro, con un pedigree di tutto rispetto, puntano oramai tutto sulla promozione diretta, senza codicilli e lo hanno fatto capire in virtù di una campagna di rafforzamento che non è ancora terminata.

In tutto questo bisognerà capire una volta per tutte che cosa vorrà fare la Paganese. Se le intenzioni della vigilia erano quelle di disputare un buon campionato per il raggiungimento dei play-off – e credo che questo era il programma di massima – guardando alla classifica, siamo nel pieno rispetto della tabella di marcia. Ma per arrivare ai play-off con buone possibilità di vittoria – perché arrivarci perdenti non servirebbe a niente – credo che qualcosa si debba fare per dare più sostanza e qualità alla squadra.

Fossi in Grassadonia, che – nolente o volente – per come è stata strutturata la squadra, sarà l’allenatore fino al termine del campionato, punterei su un monumentale uomo d’ordine a centrocampo, con tutto il rispetto che nutro per due atleti seri e compìti come Tricarico ed Acoglanis, ma che paiono accomunati dalle stesse caratteristiche tecniche.

L’uomo d’ordine è quello che gioca a testa alta, che ha personalità calcistica, che prende per mano la squadra nel momento di difficoltà e che riesce a dettare i tempi del gioco, una specie di metronomo che oggi qualche tecnico moderno aborrisce in nome di uno sfrenato movimento podistico.

Partenze, arrivi; Pagani in questi ultimi tempi è diventata una specie di Stazione Termini; gente con la valigia pronta in attesa di un treno che non passa; gente che parte, che arriva.

Quando riusciremo a capire –  per essere finalmente e definitivamente chiari –  dove siamo diretti?

Nino Ruggiero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...