Fiat lux!

Così è (anche se non vi pare)

Quando arrivano i tre punti ci scordiamo subito di tutto; i patemi d’animo, i gol sbagliati, gli errori commessi. Ce ne torniamo a casa contenti, così siamo fatti, pur tra qualche inevitabile sottolineatura di episodi che avrebbero potuto condizionare l’esito della partita.

Contro la Vibonese, a conferma di quanto già detto in altre occasioni, ancora una volta ha prevalso la legge della qualità. Non c’è niente da fare; puoi sbagliare anche un’infinità di passaggi e passaggini, puoi essere irritante quando non riesci a costruire una lineare azione di gioco, ma quando c’è classe, quando c’è qualità – specie in questo campionato – basta uno spunto, una fiammata per mettere a posto il risultato.

Avete presente una giornata autunnale grigia e uggiosa? di quelle che ti mettono addosso tanta malinconia e che ti fanno vedere tutto nero, anche nell’anima? di quelle che sembrano senza sbocchi tanto sono brutte e monotone? Poi, basta uno squarcio di sole che fa capolino tra le nuvole per farti tirare un sospiro di sollievo. Fiat lux! sia fatta luce. Ecco, scusate la similitudine, ma la Paganese di oggi, forte di individualità di spicco, è – al momento – come una giornata grigia che attende uno squarcio di sole, un lampo di luce per illuminare di un tanto il proscenio e per far tirare un sospiro di sollievo a tutti coloro che seguono con amore e passione le sue sorti.

E’ stato favoloso il gol messo a segno da Fava: con due tocchi di alta scuola, con una sponda intelligente e con una freddezza consumata sui campi di altre categoria è stato dimostrato che la qualità uno o ce l’ha o non ce l’ha. E poi il secondo gol; un’altra perla di Luchino Orlando, sempre più uomo gol: appena ti muovi, ti fulmino. Che gol, ragazzi! E che istinto bestiale da autentico rapinatore dell’area di rigore: controllo e tiro di controbalzo in un amen a due passi dalla porta. E chi se li ricordava più gol così!

Certo, sprazzi, graffiti d’autore; per il momento dobbiamo accontentarci di questo.

La partita ha riservato più di una emozione. Quando si segna subito, tutto dovrebbe essere più facile, più scontato. Con la Vibonese non è stato così. Oggi come oggi la squadra di Grassadonia sconta ancora scorie di una manovra lenta, spesso involuta, parecchio farraginosa, ancora più spesso irritante.

Nessuno, credo, si è mai illuso di poter fare un solo boccone degli avversari che si incontrano, gara per gara. Ma con tutto il rispetto possibile per una squadra come la Vibonese, piena zeppa di under, non è possibile che si debba sempre e solo aspettarsi squarci di luce dai vari Fava, Orlando e Scarpa. La qualità dei singoli, incontestabile, serve e come! però dovrebbe rappresentare solo il valore aggiunto di una squadra costruita per vincere ma che – almeno in questa fase – stenta a decollare come gioco.

Eppure le premesse ci sono tutte. Grassadonia ha voluto una squadra propositiva. Ha preteso di avere in rosa calciatori che sapessero ben destreggiarsi sulla fasce laterali, bravi sia nella fase di contenimento che in quella di attacco. Ma è nel meccanismo di costruzione del gioco che qualcosa si inceppa. I due laterali d’attacco – domenica scorsa Galizia a destra e Neglia sinistra – non sempre vengono serviti a dovere e la manovra stenta a decollare perché al centro gli avversari solitamente si intruppano e si presentano quasi sempre in superiorità numerica.

Tricarico è stato superlativo nei primi minuti quando si è proposto in avanti ed ha servito anche la palla del primo gol. Poi ha sofferto l’aggressività degli avversari forse anche perché poco coadiuvato da un Acoglanis stranamente impacciato nella fase di contenimento ancorché poco propositivo – lui che è in possesso di una buona tecnica di base – anche nella fase di disimpegno.

Non vorrei caricare di eccessiva responsabilità qualche under, ma mi sembra di poter dire che nel secondo tempo, con l’ingresso di Giglio, le cose sono migliorate di parecchio a centrocampo. Certo, può essersi trattato solo di un fatto contingente; può essere stato l’evolversi della gara a dare maggiore visibilità al giovane centrocampista. Ma una cosa è certa: la squadra ha giostrato meglio e Giglio ha bene impressionato prima per l’eleganza con cui ha calcato il terreno di gioco in una fase delicatissima della partita e poi – man mano che il tempo passava e che prendeva confidenza con la stessa – addirittura con l’autorevolezza che di solito non è mai compagna di giovani alle prime esperienze. Il che non significa, detto per inciso, che Grassadonia ha trovato il suo Messia nella zona centrale del campo; questo detto anche per il ragazzo, classe ’92, che non può e non deve essere caricato di responsabilità più grandi di lui. L’impressione però è che Giglio possa dare molto alla squadra nei momenti in cui sarà chiamato a dare il suo contributo, soprattutto se si limiterà – cosa che ha fatto domenica scorsa – a smistare palloni con una semplicità disarmante con quel suo sinistro che evoca calciatori di altre epoche e di grande spessore.

Qualche apprensione ha destato, ad onor del vero, il reparto difensivo. Impeccabile Luca Fusco che ha chiuso tutti i varchi dall’alto della sua eccelsa classe anche quando c’è stata qualche indecisione di troppo da parte dei suoi compagni di difesa. Da rivedere all’opera Pepe, macchinoso e lento contro un attaccante che gli sgusciava via da tutte le parti; per lui ancora tanto lavoro da svolgere. E poi Petrocco. Ho tanta stima del portiere, maturata nel corso di un memorabile campionato, ma certe sue leggerezze sconcertano. Meno male che i regali non sempre sono bene accetti, come nel caso di Puntoriere che, stupito da tanta grazia ricevuta, mentre gli occhi di tutti erano semichiusi per un gol sembrato inevitabile, con il pallone tra i piedi – a porta sguarnita – ha mandato il pallone alto sulla traversa!

Chiudo con una chiosa su Galizia e Scarpa. Il primo da qualche domenica è il prototipo del calciatore croce e … galizia. Sta sbagliando l’inverosimile sotto rete. Domenica a due passi dalla porta, solo soletto, su cross dalla sinistra, ha ciccato malamente un pallone che voleva solo essere depositato in rete. Un gol che probabilmente avrebbe segnato chiunque, anche uno di passaggio, tanto era facile la realizzazione. Ma nel calcio ci sta tutto. Bravo questo Galizia, nonostante tutto; si impegna, copre la fascia, avanti e indietro senza stancarsi mai, pronto anche a smentire qualche inevitabile denigratore con un colpo di autore, così come capitato con il gol di testa realizzato contro l’Isola Liri. Fa bene Grassadonia a puntare sul suo estro, sulla sua fantasia, sulle sue indubbie qualità; prima o poi esploderà perché ha qualità e la qualità alla lunga non tradisce.

Passo a Scarpa. Ha smaltito come d’incanto tutte le inquietudini che avevano caratterizzato la sua prestazione di Perugia. E’ entrato in partita in corso d’opera, così come suggerisce al momento il suo attuale stato di forma, ma ha subito riaffermato i diritti di una classe superiore. Sulla sinistra del proprio attacco è sembrato rivedere il calciatore dei tempi migliori; ha sfiorato due volte il gol ed un altro, realizzato con una splendida rovesciata, spalle alla porta, glielo ha annullato l’arbitro con una decisione discutibilissima. Una pedina, quella di Scarpa, recuperata a tempo di record soprattutto sul piano psicologico, che si sa nel calcio assume valori preponderanti. Il futuro più prossimo dovrebbe restituire alla squadra un altro elemento che può lasciare il segno in ogni partita.

Adesso ci sono due trasferte consecutive all’orizzonte. Mercoledì a Fondi e domenica a Lamezia. Da queste due partite verrà fuori un quadro più chiaro su quelle che sono le esatte potenzialità complessive della squadra.

Al momento la qualità c’è, e quella non te la toglie nessuno.

Vediamo adesso se c’è anche la sostanza.

Nino Ruggiero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...